L’arte di imparare ad amare il movimento

Molte persone evitano l’attività fisica. Forse gli psicologi dello sport si sbagliano con i loro consigli motivazionali.

Quasi tutti vorrebbero muoversi di più, ma la maggior parte delle persone non lo fa. L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda due ore e mezza di attività fisica alla settimana, più due sessioni di allenamento della forza, che solo poco meno del 4-10% delle persone in Occidente raggiunge. Questo articolo esamina le ragioni di questo da una nuova prospettiva: non è la nostra testa ma i nostri sentimenti che decidono se ci muoviamo o no. L’appello a muoversi di più è rivolto principalmente alla testa: muoviti di più e vivrai più a lungo e più sano! Tuttavia, la mente non può combattere la sensazione, e quindi gli appelli all’esercizio o alle buone intenzioni sono spesso inutili.

Fino ad ora, la regola è stata: per integrare l’attività fisica nella vita quotidiana, bisogna fissare degli obiettivi, credere nel successo, pianificare passi concreti e poi attenersi ad essi con autodisciplina. Tuttavia, molte persone non ci riescono. L’articolo spiega il “gap intenzione-comportamento” – un abisso tra l’intenzione e l’attuazione. “In passato, il modo in cui le persone si sentono durante l’attività fisica è stato ignorato, ed è la sensazione che determina se vogliamo ripetere il movimento o no”, ha detto un importante professore di psicologia dell’esercizio.

Così, l’articolo fa anche luce sul motivo precedentemente creduto per l’aumento dell’umore dopo l’esercizio. È sorta la domanda sul perché le persone non facciano più spesso ciò che dà loro quel buon umore. Solo un nuovo approccio ha portato gli psicologi sulla strada giusta. Hanno chiesto alle persone i loro sentimenti non solo prima e dopo, ma anche durante lo sport. E qui hanno trovato una correlazione: meglio gli atleti si sentivano durante l’allenamento, più probabilità avevano di partecipare a ulteriori sessioni di allenamento. Quindi, se volete essere più attivi fisicamente, non dovreste concentrarvi solo su buone intenzioni, obiettivi e autocontrollo, ma piuttosto cercare di collegare l’esercizio con sentimenti positivi, per imparare ad amarlo, per così dire.