IG Fitness Svizzera | Notizie | Rassegna stampa di COVID-19

Rassegna stampa di COVID-19

Hier finden Sie aktuelle Medienbeiträge rund um das Coronavirus aus der Fitness- und Gesundheitsbranche.

Fitness Studios in England eröffnen wieder, denn ein Bericht zeigt40 000 COVID-19 Todesfälle hätten verhindert werden können durch einen besseren Gesundheitszustand der Erkrankten 

Die Arbeit des Sektors war noch nie so wichtig wie heute, wie der neue Bericht zur Langlebigkeit, Levelling up Health, zeigt, der letzte Woche veröffentlicht wurde und aufzeigt, dass die Pandemie enorme gesundheitliche Ungleichheiten in der Gesellschaft Großbritanniens aufgedeckt hat. 90 Prozent der Menschen, die an COVID-19 gestorben sind, hatten einen signifikant schlechten Gesundheitszustand vorher. Schockierenderweise zeigt der Bericht, dass es in Großbritannien bis heute 40.000 Todesfälle weniger gegeben hätte, wenn die nationale COVID-Sterblichkeitsrate so niedrig gewesen wäre wie in den am wenigsten benachteiligten Orten Großbritanniens 

 Die von ukactive durchgeführte Branchenforschung – die von der Regierung bestätigt wurde – beweist, dass Fitnessstudios regulierte, COVID-sichere Umgebungen sind, und Mitglieder können sicher sein, dass der Gang ins Fitnessstudio nicht nur ihre Fitness, Gesundheit und Widerstandsfähigkeit verbessert, sondern auch, dass sie sicherer vor dem Virus sind als fast überall sonst. Huw Edwards, CEO von ukactive, sagte: “Die Wiedereröffnung von Fitnessstudios, Schwimmbädern und Freizeiteinrichtungen ist entscheidend für die körperliche und geistige Erholung unserer Nation nach einem so herausfordernden Jahr. 

Zum Artikel

Bewegungsmangel ist ein globaler Killer 

Das Coronavirus tötet weltweit Millionen Menschen. Inaktivität auch, wobei es grosse regionale Unterschiede gibt 

Eine im «British Journal of Sports Medicine» veröffentlichte Arbeit betrachtet den Einfluss von körperlicher Inaktivität auf 15 Krankheiten wie Herzinfarkt, Hirnschlag, Diabetes, Krebs oder Demenz sowie die damit verbundenen Todesfälle. Bei all diesen Erkrankungen ist der Zusammenhang mit Bewegungsmangel wissenschaftlich erhärtet.  

Die Minimalanforderung an ein aktives Leben betragen 150 Minuten pro Woche bei Aktivitäten wie zügigem Gehen etc. und 75 Minuten bei intensiver Aktivität wie Velofahren, Schwimmen etc. Nur weltweit 75% der Erwachsenen erfüllen diese Empfehlungen, Tendenz sinkend. Besonders ausgeprägt ist Bewegungsarmut in reichen Ländern. Hier gelten inzwischen knapp 40 Prozent der Erwachsenen als körperlich inaktiv, wobei sich die Rate zwischen 2001 und 2016 verdoppelt hat. 

Zum Artikel

L’industria del fitness in uno stato di emergenza

La chiusura forzata grava su molte imprese – e sui loro clienti

Le voci principali del settore dicono la loro in questo articolo e dipingono un quadro inquietante della situazione finanziaria dei fornitori di fitness – ma soprattutto della situazione sanitaria dei loro clienti.

“Sala pesi” era ieri: così in questi giorni ci sono sempre più studi che si rivolgono a segmenti molto più ampi della popolazione, dice il CEO di IG Fitness Roger Erni, citato in questo articolo. Quasi 1,2 milioni di cittadini svizzeri (14% della popolazione) sono membri di un centro. In confronto, i club di calcio hanno 282.000 membri, quelli di ginnastica 248.000, quelli di tennis 164.000 e quelli di golf 90.000.

Uno shock per il settore, che è cresciuto dell’81% negli ultimi anni ed è abituato al successo: secondo il rapporto di settore dell’Associazione svizzera dei centri fitness e salute (SFGV) per il 2020, ci sono ben 30.500 dipendenti che lavorano negli studi. L’anno scorso il fatturato è stato di 1,37 miliardi di franchi. Le piccole imprese e i singoli fornitori in particolare hanno sofferto enormi difficoltà a causa delle molte chiusure.

Tuttavia, non sono solo le imprese di fitness che vanno male, ma soprattutto i membri – e i dipendenti. La maggior parte dei clienti non si allena più o si allena troppo poco, dicono gli intervistati. Cosa succede al corpo umano quando l’attività fisica viene drasticamente ridotta da un giorno all’altro? Se i giovani adulti sani hanno fatto solo 1.500 passi al giorno invece di 10.000, si sono visti enormi cambiamenti fisici dopo soli 14 giorni, spiega Patrik Meier, COO della catena di fitness Kieser Training.

Ma i 30500 dipendenti sono anche sempre più frustrati perché non possono più lavorare, ha detto.
All’articolo

Grande impegno, interesse limitato

Molti studi di fitness, danza e yoga offrono video online o lezioni dal vivo. Ma questo li aiuta a raggiungere la loro clientela?

Molti studi di fitness, danza e yoga offrono alternative all’allenamento in studio durante la crisi di Corona, anche nella Svizzera centrale. Ma solo una parte della base di clienti sta approfittando delle offerte, e il numero di clienti che continuano ad abbonarsi è in calo rispetto a prima dei blocchi.

Non solo la scuola di danza, ma anche gli sport universitari registrano meno partecipanti rispetto a prima della chiusura. L’Hochschulsport Gampus Luzern (HSCL) offre corsi per studenti e personale delle tre università lucernesi e ha circa 16.000 membri. Ci sono ora 29 sessioni di allenamento a settimana in 13 sport diversi, tra cui Zumba o allenamento di forza in arrampicata. Finora quest’anno, più di 1800 persone hanno partecipato alle lezioni di Zoom.

Resta la constatazione che le offerte online sono solo una soluzione di ripiego per la maggior parte dei clienti e non sono nemmeno utilizzate da molti. Questo è confermato anche da Patrick Meier, COO di Kieser Training. Durante la crisi di Corona, il gruppo Kieser ha perso dal sei al dieci per cento dei suoi clienti nella Svizzera centrale. Per i restanti clienti Kieser Training offre video con esercizi e spiegazioni in PDF. Inoltre, il sito web e il canale Youtube presentano conferenze, podcast e consigli su argomenti di salute. L’azienda sottolinea che questo è un compromesso nella situazione attuale e non un’alternativa alla formazione sulle macchine. “I video sono visti solo quando gli studi sono chiusi. Il video con un esercizio per la parte bassa della schiena ottiene il maggior numero di visualizzazioni. »

Tuttavia, Meier stima che il mercato nel settore del fitness crescerà – ma crede che la crescita nel settore della salute sarà ancora più forte nei prossimi anni. Non si tratta di ideali di bellezza. Spiega: “La situazione attuale aggrava i problemi di salute”. Ecco perché la muscolatura diminuisce, la percentuale di grasso aumenta, la funzionalità del sistema cardiovascolare diminuisce e i disturbi aumentano. “Le conseguenze di questo ci terranno occupati nei prossimi anni”, è convinto il COO di Kieser Training. “La grande domanda è: quante persone torneranno se ci sarà permesso di riaprire? E quanti, nel frattempo, sono finiti da un medico o in fisioterapia invece di allenarsi?

All’articolo

Lavorare in un ufficio in casa fa aumentare il peso

I primi risultati sul comportamento di attività fisica della popolazione svizzera del Covid 19 Social Monitor sono allarmanti. Poco meno di un quarto delle persone si è mosso meno durante il primo blocco rispetto a prima. Ma le abitudini alimentari sono cambiate anche in casa. I risultati iniziali dello studio di tendenza MIS mostrano: Chiaramente si consumano più spuntini a casa.

All’articolo

Roy Salveter è l’esperto di sport presso l’Ufficio federale della sanità pubblica. Mette in guardia contro la mancanza di movimento nell’isolamento.

Roy Salveter è un ex ciclista d’élite ed esperto di sport per l’UFSP. In un’intervista con l’Aargauer Zeitung, ha espresso la preoccupazione che la popolazione svizzera avrà meno esercizio fisico a causa delle restrizioni durante la pandemia e quindi lotterà di più con l’obesità in futuro. Teme che lo sviluppo positivo nel campo dell’esercizio e della nutrizione degli ultimi 12 anni non continui.

Fa notare che anche nel primo blocco, mentre una certa percentuale di persone si è effettivamente mossa di più, una percentuale molto più grande si è mossa di meno. La raccomandazione di esercizio di 150 minuti a settimana è stata significativamente ridotta durante le restrizioni.

Roy Salveter riassume che anche se non ci sono ancora tanti fatti come base, uno studio tedesco mostra un aumento di un chilo di peso corporeo in media nel primo blocco. Ciò è dovuto alla natura prevalentemente sedentaria del lavoro nell’home office, che è ancora più accentuata che in ufficio, poiché non c’è bisogno di andare al negozio o alla stampante o alla macchina del caffè all’altra estremità dell’edificio. Le conseguenze per la salute di una costante seduta ininterrotta non devono essere sottovalutate.

Tuttavia, non vede la necessità di un programma di fitness post-pandemia imposto dallo Stato, poiché la Svizzera è fondamentalmente ben posizionata. In media, la popolazione è più attiva che in altri paesi dell’Europa centrale, il che ha anche a che fare con le buone strutture sportive della Svizzera.

All’articolo

Gli atleti competitivi che si allenano regolarmente mostrano una risposta più efficace alla vaccinazione antinfluenzale rispetto al gruppo di controllo

Gli autori hanno usato la vaccinazione contro l’influenza stagionale per studiare l’effetto dell’allenamento fisico regolare sull’immunità indotta dal vaccino in un gruppo di atleti competitivi e un gruppo di controllo. I valori del sangue di 45 atleti e 25 soggetti di controllo sono stati esaminati prima e 1, 2 e 26 settimane dopo la vaccinazione per quanto riguarda i fattori rilevanti.
Entrambi i gruppi hanno mostrato un aumento significativo delle cellule vaccino-reattive, che hanno raggiunto il picco una settimana dopo la vaccinazione. L’aumento era significativamente più pronunciato negli atleti (4,1 volte) che nei controlli (2,3 volte). È stato misurato un aumento significativo degli anticorpi specifici dell’influenza, che a sua volta era più pronunciato negli atleti. Allo stesso modo, l’aumento degli anticorpi neutralizzanti era maggiore negli atleti. In sintesi, entrambi i gruppi hanno costruito una forte immunità cellulare e umorale vaccino-specifica dopo la vaccinazione standard, ma era significativamente più alta negli atleti.
CONCLUSIONE: L’aumento più pronunciato delle cellule T specifiche e degli anticorpi neutralizzanti negli atleti competitivi suggerisce che un’alta frequenza e intensità di allenamento aumenta la risposta vaccinale.

All’articolo

Lo dimostra un nuovo studio dell’Henry Ford Hospital di Detroit: Una buona forma fisica può proteggere dalle gravi conseguenze della corona

Coloro che fanno esercizio fisico ne traggono beneficio: I medici dell’Henry Ford Hospital di Detroit, insieme a ricercatori internazionali, hanno studiato la questione di quale ruolo gioca la prestazione fisica nel corso individuale di un’infezione da SARS-CoV-2.

Inattività come fattore di rischio rilevante: utilizzando diverse analisi di regressione, Clinton Brawner (leader dello studio e senior bioscientific medical officer cardiologia preventiva) e il suo team ha trovato che i pazienti con scarsi livelli di fitness erano significativamente più probabilità di essere ammessi all’unità di terapia intensiva.

I risultati evidenziano che l’esercizio fisico e i buoni livelli di fitness sono associati a un rischio inferiore di infezioni del tratto respiratorio superiore come COVID-19, e suggeriscono inoltre che le persone attive generalmente affrontano meglio tale infezione.

All’articolo

CEN sta sviluppando norme per il funzionamento delle palestre durante una pandemia CEN Specifica tecnica per il funzionamento dei club in Covid-19 restrizioni

Sotto la guida del CEN (Comitato europeo di normalizzazione), un gruppo di lavoro di esperti sta sviluppando norme urgenti per il funzionamento e la gestione dei club sanitari durante un’epidemia infettiva – come la pandemia di Covid 19. Questo include alcune misure igieniche nei centri fitness, che hanno lo scopo di ridurre al minimo la diffusione di un virus pandemico e di rendere la permanenza nel centro fitness il più possibile priva di rischi per il personale e i clienti. Questo articolo riassume i punti più importanti riguardanti la procedura per la preparazione di questa standardizzazione. Uno degli scopi principali di questo lavoro è quello di mantenere le strutture di fitness in funzione e garantire che le persone rimangano fisicamente attive, dando così un contributo significativo al mantenimento e al miglioramento del benessere sociale, mentale e fisico delle persone.

All’articolo

Dannatamente difficile da sollevare

Dopo la nuova chiusura degli studi di fitness nel Vallese il 22 ottobre, c’è una mancanza di comprensione tra gli operatori: molte persone avrebbero la sensazione, attraverso la seconda chiusura, che il fitness è pericoloso in relazione a Corona: “Ma questo non è dimostrabilmente il caso”, ha aggiunto uno dei proprietari di uno studio colpito. Come i suoi colleghi prima di lui, il gestore di un altro studio di fitness sottolinea che fino ad ora non si conosce un solo caso positivo da studi di fitness. I concetti di protezione erano stati implementati fino all’ultimo dettaglio. Le distanze nei guardaroba, per esempio, sono state osservate scrupolosamente durante tutti questi mesi. Mentre gli operatori riconoscono l’urgenza con cui le autorità devono affrontare il numero crescente di casi, la Commissione non è stata in grado di farlo. Tuttavia, sono infastiditi dal fatto che i loro centri di fitness sono classificati dal Consiglio di Stato vallesano come strutture per il tempo libero come un teatro o una pista da bowling. Questo va troppo oltre anche per altri operatori di studi nel Basso Vallese. Tre di loro hanno quindi presentato una denuncia amministrativa al Tribunale cantonale del Vallese. Le misure ordinate dal Consiglio di Stato contro l’ulteriore diffusione del virus equivarrebbero a un divieto professionale per loro, secondo la motivazione.

All’articolo

Lo studio ClubIntel fornisce nuove cifre sul mercato internazionale del fitness

I ricercatori di mercato di ClubIntel hanno intervistato gli operatori di tutto il mondo come parte dello studio ‘The Fitness Industry’s Re-Awakening Post-COVID-19 Facility Closures’ e forniscono nuove intuizioni da una varietà di mercati globali:

  • Come sta andando l’industria internazionale del fitness e della salute dopo il blocco e la riapertura di Corona?
  • Quanto sono sensibili i clienti e i membri di fronte agli sviluppi attuali?
  • E come vedono i professionisti del fitness il futuro della nostra industria?

Stephen Tharrett e il suo team hanno studiato a fondo queste e molte altre questioni e recentemente hanno pubblicato il loro rapporto sull’argomento. Ci sono alcune risposte in questo articolo.

All’articolo

I palazzetti dello sport intraprendono un’azione legale contro la loro chiusura

L’associazione professionale France Active, che riunisce, tra gli altri, vari operatori di centri fitness, aveva presentato 16 ricorsi urgenti contro la violazione della libertà fondamentale presso i tribunali amministrativi del dipartimento e ha avuto ragione: La chiusura degli impianti sportivi di Rennes, secondo il giudice amministrativo, “mina seriamente e direttamente la situazione economica e finanziaria”. La chiusura di tutti gli impianti sportivi di Rennes ordinata dalle autorità alla fine di settembre è stata quindi dichiarata non valida. A Tolosa, anche le palestre e altre strutture sportive hanno potuto riprendere il funzionamento alcuni giorni fa.

All’articolo

Fitness nonostante Corona: chi si allena ancora?

L’articolo intitolato Fitness nonostante Corona: chi fa ancora esercizio? è su 2.10. 2020 è apparso sull’Aargauer Zeitung e affronta i rischi e le opportunità associate a Corona nel settore degli studi di fitness. Molti membri continuano a venire nelle palestre e commentano positivamente l’adesione ai programmi di protezione. Tuttavia, secondo l’Associazione svizzera del fitness e della salute (SFGV), il numero attuale di visitatori è in media del 30-40% inferiore a quello dell’anno precedente, ma con notevoli variazioni nel settore. Il venditore Migros, per esempio, ha potuto registrare dopo la riapertura una frequenza di visitatori significativamente più alta rispetto all’anno precedente. In questo articolo, l’esperto di business dello sport Stefan Ludwig della società di revisione Deloitte spiega perché l’industria probabilmente si riprenderà dalla crisi e che è più probabile vedere un mercato di consolidamento che un mercato di affollamento per i principali fornitori a causa della crescita a lungo termine della domanda.

All’articolo

Le palestre lottano con le conseguenze di Corona per molto tempo

Gli studi di fitness sono un business da miliardi di dollari; circa un cittadino tedesco su sette è membro di una struttura di fitness. La pandemia di Corona è stata una grave battuta d’arresto per l’industria. A causa della pandemia di Corona, le palestre in Germania sono state costrette a chiudere da metà marzo a metà maggio o inizio giugno, con il periodo di tempo che varia a seconda dello stato. Molti degli avventori sono tornati alle attrezzature o ai tappetini subito dopo la riapertura, il che è stato visto come un aspetto positivo in questa situazione. La presidente dell’associazione tedesca degli studi di fitness DSSV Birgit Schwarze spiega le cifre relativamente positive a suo parere con la tendenza generale verso una maggiore consapevolezza della salute. Schwarze non vede alcun danno a lungo termine da Corona, come lo scetticismo generale sugli sport indoor con altre persone nelle immediate vicinanze. Gli studi avevano concetti igienici rigorosi, ha detto, e non era a conoscenza di alcun caso di nuove infezioni da corona in una palestra.

All’articolo

Manifesto per i centri sportivi per continuare a contribuire attivamente al sistema di lotta contro la COVID19, sia nella prevenzione dell’infezione che nel recupero delle persone colpite.

Un comunicato della Federazione nazionale degli impianti sportivi FNEID e la Fondazione Espana Activa valuta la situazione intorno a Covid-19 e le visite alle palestre come segue: Uno studio recente dall’Inghilterra mostra che per ogni 100.000 visite nelle palestre, solo 0,34 casi positivi di Corona possono essere rilevati. Questi risultati sono in linea con uno studio dell’Università di Madrid, che durerà fino a ottobre e i cui risultati saranno pubblicati nelle prossime settimane. Il programma di protezione negli studi spagnoli è molto esteso e, secondo le conoscenze attuali, è rigidamente rispettato. Il parere si conclude con cinque punti che riassumono la rilevanza delle palestre per la popolazione spagnola come strutture per attività immunitarie e per aumentare la salute generale nella lotta contro il covid-19.

All’articolo

Fuori dalla palestra dopo l’estate? I centri fitness hanno il 40% in meno di visitatori e quasi nessun nuovo iscritto a causa di Corona

Questo articolo riassume la situazione economica delle palestre ed evidenzia l’incertezza nella popolazione da Corona. Per paura dell’infezione, alcuni degli iscritti al fitness rimangono ancora a casa. Per essere sicuri, molti clienti esistenti stanno dimostrando di essere comprensivi e stanno anche rinunciando al credito a tempo con i fornitori più piccoli durante il blocco da marzo a maggio. Tuttavia, i potenziali nuovi abbonati sono più cauti e preferiscono aspettare la situazione. I centri fitness stanno quindi investendo sempre più nell’offerta digitale. Tuttavia, l’infrastruttura non può essere trasferita alla rete, e le catene più grandi sembrano fare meglio, alcune delle quali si stanno addirittura espandendo. Tuttavia, con una quota del 28%, le grandi catene costituiscono la minoranza di tutti i centri fitness svizzeri.

All’articolo